martedì 15 luglio 2014

2014 Un giubbotto per la vita


Questo bellissimo service fu ideato nel 2013 da Luigi Norsa per conto dell'IYFR, e poi ripetuto nel 2014 con l'appoggio del RC Chiavari che, tramite la PHT, spedì ad Abidjan 1.387 giubbotti salvagente.  Franco Scanzi provvide, come al solito, a distribuire capillarmente il materiale da noi inviato e a documentare con numerose fotografie le varie consegne

IYFR ITALIA  FLOTTA NW
Cari amici Mariners,
vi giro la lettera di Alberto Bagnasco per l’avvio di una nuova fase del progetto UN SALVAGENTE PER LA VITA. Certo della vostra consueta generosità, mando a tutti un caro abbraccio.
Federico

Genova, 4 Aprile 2014 
Oggetto:    Un giubbotto per la vita

siete tutti ormai al corrente del felice esito del service lanciato dall’I.Y.F.R. lo scorso anno per fornire giubbotti di salvataggio alle comunità di pescatori dell’Africa orientale.
La campagna, denominata “Un giubbotto per la vita” iniziata a suo tempo dal Commodoro della Flotta ITALIA NW Luigi Norsa RC Chiavari – Tigullio, ha permesso di raccogliere e far arrivare in Africa 2.875 di questi salvagenti, tutti ora già distribuiti a scuole situate su isolotti, a pescatori del Lago Vittoria, dell’ Oceano Indiano (coste del Kenya) e dell’ Oceano Atlantico (Costa d’Avorio)  e ciò a cura dei Rotariani e Flotte I.Y.F.R. locali.
Questi giubbotti sono stati recuperati dai rotariani dei Distretti 2032, 2071, 2080 e 2090, dalla Marina Militare Italiana e dalle Flotte I.Y.F.R. Italia NW, Adriatico Centrale e Roma. Successivamente anche grazie all’intervento dell’IYFR e del R.C. Chiavari-Tigullio sono stati poi spediti a destinazione.
Dalle foto allegate potrete verificare l’avvenuto immediato utilizzo di questi mezzi individuali di salvataggio, purtroppo fino ad ora praticamente sconosciuti in queste località ove si verificano frequenti  annegamenti. Nel 2012 ben 5.000 casi nel solo Lago Vittoria.  Da notare che le piroghe normalmente usate per la pesca sia in mare che sui laghi non sono facilmente raddrizzabili in caso di rovesciamento con le conseguenti tragiche conseguenze
Vista la continua e pressante richiesta di ulteriori spedizioni, il nostro Bridge Internazionale, capeggiato dall’International Commodore, l’italiano Sergio Santi, ha ritenuto necessario ed opportuno riproporre la campagna, richiedendo quindi a tutti voi di collaborare attivamente pubblicizzando l’iniziativa presso i Distretti, i Club Rotary e le Flotte I.Y.F.R. al fine di reperire ulteriori giubbotti di salvataggio in buone condizioni e dismessi perché non più rispondenti alla normativa vigente in Italia.
Ricevute le vostre segnalazioni provvederemo ad organizzare la raccolta in modo da poter poi effettuare le varie spedizioni in Africa ovunque siano necessari e richiesti.
Riprendo il motto con cui l’I.Y.F.R. ha iniziato questa campagna:
Un vostro vecchio giubbotto salvagente può aiutare a salvare una vita”
Unitevi all’International Yachting Fellowship of the Rotarians in questa azione umanitaria.
Ringraziandovi per l’attenzione che vorrete dare a questa iniziativa ed in attesa di vostre notizie vi saluto cordialmente.

                                                                                          Alberto Bagnasco

Cari amici,
finalmente abbiamo l’ok ufficiale dal Rotary Club di Abidjan per il nolo del container: questo bel service, in cui IYFR e il Rotary Club di Chiavari inviano oltre 1.000 giubbotti salvagente in Costa d’Avorio, potrà essere attuato.

Ricordo a tutti che questi giubbotti (raccolti grazie all’IYFR) verranno distribuiti capillarmente dal nostro amico rotariano Franco Scanzi nei vari villaggetti dei pescatori di Abidjan e dintorni, e contribuiranno a salvare numerose vite, dato che quasi nessuno di questi ivoriani sa nuotare.

A nome della P.H.Tigullio (che dal punto di vista burocratico è quella che riceve la donazione dei giubbotti e che poi li “inoltrerà” ad Abidjan), ringrazio sentitamente tutti coloro che hanno reso possibile questo service.
                                                                              Il Presidente

                                                                           Corrado Cavalca


















domenica 1 giugno 2014

2014 - Rotary Movie Contest

Concorso a premi

      Da un'idea e sotto la presidenza di Gianni Rebaudengo, con il contributo del Distretto 2032 e del Grappolo, grazie alla collaborazione e al lavoro di numerosi volontari, abbiamo creato e portato a termine nel 2014 questo bellissimo service.



Prima edizione del Concorso “Un video in pochi minuti” anno 2014
 Il concorso che rientra nei programmi ufficiali del Rotary rivolti all’educazione, si propone di fornire agli studenti delle scuole medie superiori del Tigullio l’occasione di sviluppare e implementare la loro creatività con un mezzo di attualità quale la comunicazione visiva.
La realizzazione del breve filmato di alcuni minuti a tema libero ha richiesto infatti di sviluppare e coordinare le innumerevoli attività: sceneggiatura, ripresa, commento musicale, costumi, animazione, effetti speciali, regia, interpretazione, doppiaggio, trucco ecc. ecc. che convergono nella creazione di un video.
Il concorso è stato proposto a tutti gli Istituti superiori del Tigullio: abbiamo trovato la piena disponibilità dei dirigenti scolastici di sette scuole che hanno coinvolto complessivamente 15  insegnanti  che hanno seguito gli studenti nel loro operare e costituito l’interfaccia con il nostro Club, Il Rotaract ha collaborato illustrando ai ragazzi le modalità del concorso tramite incontri nelle scuole.
Abbiamo ricevuto 26 video alla cui realizzazione hanno partecipato un centinaio di studenti e li abbiamo sottoposto  in forma anonima al giudizio di una giuria composta da esperti e da membri del Club ed a un “giuria popolare” avendoli inseriti in rete. I contatti in rete sono stati oltre 30.000, con 1700 voti.
Si sono resi cortesemente disponibili a far parte della giuria:
esponenti  del mondo dello spettacolo;
·         Emanuele Conte Direttore del Teatro della Tosse di Genova Presidente
·         Ezio Rossi autore di Cortometraggi
·         Lorenzo Vignolo Regista
esponenti del mondo della comunicazione
·         Eloisa Moretti Clemente del Secolo XIX
·         Don Fausto Brioni per telepace
·         Elisa Folli per Entella TV
rappresentanti delle associazioni che hanno collaborato all’iniziativa
·         Paola Palmisano (Presidente dell’Inner Wheel International)
·         Roberto Napolitano Presidente della  Società Economica di Chiavari
rappresentanti del Rotary Club di Chiavari
·         Giovanni Rebaudengo (Presidente RC)
·         Gian Ettore Borzone (Segretario RC)
·         Franco Cavagnaro  (RC)

Il compito della giuria non è stato semplice; infatti oltre che i video che saranno premiati molti altri avrebbero meritato un riconoscimento.
Gli argomenti trattati coinvolgono problematiche attuali e significative in relazione alla giovane età degli autori che riflettono la vita di tutti i giorni, le emozioni, le delusioni, le aspettative del futuro, momenti di felicità, riflessioni sulla sessualità e sulla morte, l’amore, l’amicizia, la gioia della condivisione o il puro divertimento. 
Completano questi aspetti documentari, interviste di tipo giornalistico e video di carattere puramente didattico molto puntuali che potranno ben essere impiegati durante le lezioni in classe.
Parecchi video presentano un alto livello tecnico, buone inquadrature, riprese raffinate, giusto utilizzo  della luce e intelligente scelta della musica per non parlare della recitazione che in alcun casi sorprende per la bravura di questi attori in erba.

I video premiati sono stati i seguenti:

Premio della Giuria
Titolo:  Il Sondaggio
Studenti:  Davide Panigada - Sara Solari
Istituto Delpino
Professori: Prof.essa Rossi
Motivazione:

Divertente parodia

Apprezzabile la scelta del tema (i sondaggi telefonici come esperienza grottesca e incomprensibile per la persona comune), tratto dalla vita quotidiana e affrontato con ironia. Se il soggetto è originale, dimostra un valido lavoro di scrittura, oltre che di recitazione. Nel complesso, tuttavia, il video risulta un po' limitato nei suoi obiettivi.

Video-documentario di buona qualità, Indovinata la colonna sonora e l’abbinamento testo immagine.
Complessivamente perfezionabile riesce a portare un messaggio capace di lasciare un interrogativo aperto e coinvolgente

Semplice, divertente ed efficace, cattura l'attenzione: immagine fissa ma volto ed espressioni del
Protagonista e voce fuori campo, molto buone.



Terzo Classificato
Titolo: La Tomba
Studenti:  Nicolas Fadda - Mirko Penati - Nicolò Lagomarsino - Alessia Fracassi - Silvia La Cava
Istituto In memoria dei morti per la patria
Professori: Prof.De bello
Motivazione: Interessante l’idea di proporre un autore come Lovecraft e di sviluppare la narrazione solo attraverso immagini   escludendo i dialoghi. Tecnicamente ben eseguito.

Sceneggiatura precisa con ritmi adatti al genere horror, varietà di costumi e di ambienti, buona interpretazione  degli attori, riprese con sapienti movimenti di camera ed uso degli sfuocati; buoni i primi piani,  i campi e i controcampi. Effetti e musica adatti al genere.

Un corto “di genere” che funziona nonostante manchi di rifiniture formali (lo stabilizzatore d'immagini in evidenza e certa incuranza scenografiche). Ma la giusta tensione narrativa, la cosa più difficile da ottenere fa emergere il talento e il lavoro degli autori.

Ambizioni cinematografiche elevate, forse ispirate alla filmografia di Dario Argento. Nell'insieme, il risultato è poco convincente ma è apprezzabile la cura realizzativa.

Secondo Classificato
Titolo:  Pieno di silenzio
Studenti:  Jacopo Zepponi - Simone Morgitto
Istituto Marconi
Professori: Bottini - Novelli
Motivazione: Video completo sotto tutti gli aspetti: storia e personaggi si inseriscono in una logica narrativa ed è ben curato dal punto di vista tecnico

Sceneggiatura originale per svolgere i temi dell'amicizia, amore e passione per la musica. Buon uso dei campi e controcampi e dei primi piani

Grazie alla qualità e ad un sapiente utilizzo della luce e del suono e della struttura narrativa, ovvero grazie alla regia, il filmato colpisce per l'efficacia del suo slancio emotivo. Il disagio esistenziale, la frustrazione nell'essere incompreso, l'emozione, il fiume in piena che c'è dietro un parto artistico diventano poesia in soli 5 minuti.

La crisi creativa di un giovane musicista. La realizzazione ha elementi di originalità e interesse, ma la trama del racconto ha molti limiti.


Vince il Rotary Movie Contest 2014
Titolo:  Motorpsyco nitemare
Studenti:  Giacomo Centenaro - Nicolò Villani - Marika Daneri
Istituto Delpino
Professori: Bottini - Novelli
 Motivazione:

Tecnicamente ben eseguito e con un’idea narrativa originale.

Piacevole interpretazione del racconto di Dylan. Riprese belle e montaggio con effetto Vaudeville.

L'utilizzo dei campi più stretti in alcune sequenze avrebbe reso la scenografia più calzante.
Bob Dylan, Chaplin e il cinema muto. Un'intuizione riuscita e realizzata ottimamente. Il lavoro, oltre ad essere divertente e ben realizzato, evidenzia uno studio nelle inquadrature e nella scrittura filmica avanzato e tutt'altro che casuale.

C'è una ricerca creativa e un notevole impegno realizzativo dietro la scelta, originale, di raccontare la storia di una canzone di Bob Dylan attraverso una sua parodia. Tecnicamente molto valido.

























                              Viaggio a Milano con i vincitori del Concorso

Il 9 giugno abbiamo accompagnato i vincitori del concorso “Un video in pochi minuti” a Legnano dove abbiamo incontrato Flavio Giranzani, responsabile dei distretti 2041 e 2042 per il Premio Gavioli che ci ha ospitati nel cinema Sala Ratti dove la cortesissima sig.ra Ivana Rigo con l’aiuto di Massimo Arrigoni ha tenuto una interessante lezione sulla modalità di creazione di un corto.
Successivamente siamo partiti per Milano  dove ci siamo recati al cinema Mexico per assistere alla proiezione di tutti i corti partecipanti al Premio Gavioli ed alla premiazione dei vincitori.
Con estrema gentilezza i responsabili del premio hanno accettato di far vedere il nostro corto vincente riempiendo di orgoglio e di soddisfazione i ragazzi autori, che hanno ricevuto numerosi compimenti.
Un giudizio condiviso con i ragazzi e Paola e Filippo: il livello dei nostri corti non è inferiore a quello dei corti del Gavioli, che peraltro hanno talvolta usufruito di società esterne per le riprese del filmato.





















           
Viaggio a Milano con i vincitori del Concorso
Il 9 giugno abbiamo accompagnato i vincitori del concorso “Un video in pochi minuti” a Legnano dove abbiamo incontrato Flavio Giranzani, responsabile dei distretti 2041 e 2042 per il Premio Gavioli che ci ha ospitati nel cinema Sala Ratti dove la cortesissima sig.ra Ivana Rigo con l’aiuto di Massimo Arrigoni ha tenuto una interessante lezione sulla modalità di creazione di un corto.
Successivamente siamo partiti per Milano  dove ci siamo recati al cinema Mexico per assistere alla proiezione di tutti i corti partecipanti al Premio Gavioli ed alla premiazione dei vincitori.
Con estrema gentilezza i responsabili del premio hanno accettato di far vedere il nostro corto vincente riempiendo di orgoglio e di soddisfazione i ragazzi autori, che hanno ricevuto numerosi compimenti.
Un giudizio condiviso con i ragazzi e Paola e Filippo: il livello dei nostri corti non è inferiore a quello dei corti del Gavioli, che peraltro hanno talvolta usufruito di società esterne per le riprese del filmato.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...